Guida Turistica Vitorchiano

Guida Turistica Vitorchiano

Guida Turistica Vitorchiano. Il borgo di Vitorchiano, il Moai, il Centro Botanico delle Peonie.

Vitorchiano è un piccolo borgo medioevale che occupa una rupe delle rupe più suggestive nelle propaggini boscose dei Colli Cimini. Si trova a soli nove chilometri da Viterbo. 

Il suo nome deriva probabilmente da Vicus Orclus che si riferiva ad un abitato etrusco che sorgeva sulla rupe. Le tracce dell’abitato etrusco furono cancellate quasi del tutto dal sovrapporsi di costruzioni di epoche posteriori.    

Ci si tuffa in un’atmosfera di altri tempi, al di là della cinta muraria risalente al XIII secolo!

Si gira tra le case costruite in peperino a faccia vista con il “profferlo” risalenti al XII-XIII secolo.  Tra palazzi e monasteri di epoca rinascimentale, come il Palazzo Fidelitas e il contiguo Monastero di Sant’Agnese (oggi Palazzo del Comune) le cui suore – come veniamo a sapere da fonti archivistiche, si lamentarono degli sguardi indiscreti che dal Palazzo del Potere ogni tanto sbirciavano attraverso le finestre…

Si va in cerca di suggestivi scorci fatti di archi e scalinate ornate di fiori, di campanili che si ergono al cielo. Si ammirano le fontane a fuso scolpite con arte dagli artigiani locali, – rigorosamente in peperino. L’estrazione della pietra lavica risale a tradizioni antichissime nei pressi di Vitorchiano, dove è di qualità rinomata.

Si arriva al nucleo più antico di Vitorchiano, dove esisteva l’antico castrum con la prima cerchia muraria e da dove si espanse il piccolo comune.

La storia della Vitorchiano medioevale ruotò attorno alle guerre con la vicina e potente Viterbo. Questi conflitti determinarono l’alleanza con Roma giurata con atto formale e solenne nel 1267.

Sono tanti i riferimenti visibili a questa fedeltà in Vitorchiano, tra cui lo stemma di Roma con l’acronimo S.P.Q.R. Lo stemma di Vitorchiano è addirittura fregiato con la Lupa Capitolina.

Si visitano la chiesa di S. Amanzio (XIV secolo) e la chiesa S. Maria Assunta. Quest’ultima è la più antica del borgo, costruita nel XV secolo su una struttura preesistente.

Da un punto panoramico esterno al borgo si ammirerà la rupe dai lati a strapiombo, naturalmente difesa. S’incontra anche una curiosità stupefacente! Il Moai, una scultura di peperino alta sei metri, che riproduce i monoliti antropomorfi dell’Isola di Pasqua.

In aprile e maggio la visita di Vitorchiano ben si sposa con quella del vicino Centro Botanico Moutan, la più vasta collezione di peonie al mondo, all’interno di un parco che si sviluppa in circa 15 ettari. 

Prenotazione visite guidate con Guida Turistica Ufficiale per Viterbo e provincia al num.cell. 328 248738 oppure via email: info@artinvistaguideviterbo.com  

Molte le alternative di visita in zona per la seconda parte della giornata: Villa Lante Bagnaia –  Parco dei Mostri Bomarzo – Viterbo – Palazzo Farnese Caprarola – Civita di Bagnoregio – Tuscania.

Visite guidate per scuole/gruppi adulti in italiano, francese, spagnolo, inglese, ungherese

Tour 1-6 giorni nella provincia di Viterbo

Suggerimenti per la vostra permanenza

Pianificazione tour

Modifiche programma

Elaboro itinerari a tema a vostra scelta

Like
Like Love Haha Wow Sad Angry
2

Leave a comment